Organo internazionale multilingua del Partito Socialista Universale P.S.U.

Categoria: Politica Pagina 1 di 2

Le reali cause della guerra in Ucraina.

Le responsabilità dell’ONU, del governo ucraino e di quello russo.

Il fallimento dell’ONU per portare la pace è stata la sua incapacità di mediare l’assenza di una volontà di tregua e di un accordo tra le parti in conflitto.

La cobelligeranza dell’Europa ed usa porterà alla distruzione dell’ucraina e ad un disastro mondiale.

In Italia, un criminale finanziario con le sue bande sta devastando il paese economicamente e socialmente, impoverendo tutti.

L’Italia, quale paese ostile alla Russia, sta correndo un grave rischio ed un gravissimo pericolo.

L’Europa è governata e controllata da un’oligarchia finanziaria, spesso imparentata con quella criminale.

I media, ovvero l’orchestra dei mercenari dell’informazione, sono quasi tutti nelle mani di questa oligarchia che controlla e distorce la verità e riduce i popoli a semplice comparsa e ad un normale contorno di una dittatura finanziaria.

È ora che tutti i popoli europei scendano nelle piazze e pongano fine a questo stato, prima che sia troppo tardi.


LA VERITÀ TRADITA ED OCCULTATA

La guerra in Ucraina ha radici lontane. Essa risale alla fine dell’Unione Sovietica e quando questa realtà si smembrò creando un collasso economico, sociale e politico. Buona parte dei cittadini di questo Stato subì privazioni e condizioni materiali umilianti: miseria, fame, denutrizione, abbrutimento erano la norma in quel periodo, insieme alla scarsa assistenza dei servizi sociali e sanitari. I governi europei, diretti e controllati dalle centrali finanziarie, incentivarono il processo di disgregazione dello stato sovietico invece di avviare un approccio di solidarietà, con aiuti e spinte verso l’integrazione con l’Europa.

È STATO UN ERRORE FATALE DI CUI OGGI SI VEDONO LE CONSEGUENZE CON UNA GUERRA NEL CUORE DELL’EUROPA CHE TENDE AD ESTENDERSI.

Polonia, Ungheria, Paesi baltici ed altre entità si sono resi indipendenti dalla Russia. L’Unione europea, insieme alla NATO ed al governo americano, hanno sempre cercato di erodere e smembrare il territorio russo. L’Ucraina è stato il passo successivo a quello di altri Stati, facendone l’ariete per la demolizione della realtà politica ed economica russa, e per portare le basi NATO all’interno dell’Ucraina e presso il confine con la Russia. L’elezione di Zelensky, appoggiata e sostenuta dalla finanza europea e da quella americana ed ucraina, ha posto le basi per l’entrata nella NATO di questo Paese. Ciò è confermato, non solo dagli armamenti ricevuti dall’Europa e dall’America, ma anche dalle esercitazioni compiute tra truppe NATO ed ucraine, su suolo ucraino, oltre che al cambiamento della costituzione ucraina, affinché questo Paese potesse entrare nella NATO.

Il disegno di smembrare la Russia e gestire le sue risorse era a conoscenza del governo russo. Non appena Zelensky ed il suo governo hanno fatto passi decisivi per entrare nella NATO, i russi hanno invaso il loro Paese. UN GRAVE ERRORE DI METODO.

Demonizzare Putin è fuorviante, poiché l’azione aggressiva russa è stata dettata da ragioni inerenti alla difesa dell’integrità della Federazione Russa. Con o senza Putin, quanto accaduto sarebbe avvenuto lo stesso, dato che era in gioco l’esistenza della stessa Federazione.

Attualmente l’obiettivo dei russi è quello di occupare l’intera Ucraina, rendendola inerte dal punto di vista militare. L’Europa sta alimentando questa guerra con armi e sanzioni, una scelta che si rivelerà devastante per la stessa Europa, dato che la Russia ha risorse sufficienti per una propria autarchia e sta creando le basi di un’economia parallela con l’aiuto della Cina, parte del Medioriente, estremo oriente ed Africa, tagliando fuori e mettendo in crisi la Comunità Europea che si è schierata unilateralmente contro la Federazione Russa ed è stata da questa definita una realtà ostile.

Una situazione del genere determinerà un radicale cambiamento politico ed economico nel mondo. A questo punto, ad evitare un disastro mondiale occorre mettere in campo una mediazione DI ALTISSIMO LIVELLO MORALE E POLITICO, fatta da uomini di Paesi non coinvolti, RIUNITI IN UNA ASSEMBLEA MONDIALE (visto che l’ONU ha fallito il suo compito) per fare tacere le armi evitando una catastrofe generale.

Il PSU ha fatto la sua proposta che è ragionevole ed equilibrata, che può essere presa inconsiderazione.

MUTATIS MUTANDIS: CAMBIARE IN FRETTA QUELLO CHE DEVE ESSERE CAMBIATO, PRIMA DELLA TRAGEDIA.

Leggi l’articolo scritto nel 1933 da un saggio filosofo ed artista russo. Rimandiamo il lettore a http://www.lavocedeipopoli.it/cultura/mutatis-mutandis/

PROPOSTA PER UNA PACE DURATURA TRA RUSSIA ED UCRAINA DA PARTE DEL PARTITO SOCIALISTA UNIVERSALE (PSU)

Condizione imprescindibile e necessaria è il cessate il fuoco tramite un accordo internazionale. Riconoscimento dell’indipendenza, autonomia e neutralità (non armata) dell’Ucraina, non appartenente alla comunità europea ed alla NATO. Indipendenza della Crimea e delle repubbliche Donetsk e Lugansk. Trattato di pace e non aggressione da parte della Russia all’Ucraina. Creazione di una fascia smilitarizzata di 150 km intorno all’Ucraina. RITIRO DELLE TRUPPE RUSSE dall’Ucraina e delle sanzioni nei confronti della Russia. Aiuti economici internazionali all’Ucraina per rimettere in piedi la sua economia e sanare le distruzioni della guerra.

Tra qualche anno avviare le trattative per un’integrazione all’Europa dell’Ucraina e della Russia con una nuova compagine politica Ucraina e russa e con la sostituzione dell’attuale classe dirigente europea.

Tutto questo, se realizzato, toglierebbe alla Russia ogni pretesto di invasione ed all’Ucraina velleità nocive alla sua esistenza ed allontanerebbe il pericolo di una guerra in Europa ed una devastante crisi economica nel vecchio continente.

UNA MIMOSA PER LA PACE

Per le mamme, le spose, le nonne, le sorelle, le fidanzate: FATE TACERE LE ARMI ED ALLONTANATE IL VENTO DELLA MORTE CHE SOFFIA SULL’UCRAINA.

Creare in Europa un nuovo ordine sociale, economico e politico in cui la libertà, la vera democrazia, la solidarietà, la fraternità ed il benessere comune siano valori fondamentali di un essere umano rigenerato. Tutti i popoli del mondo si devono unire in uno sforzo comune e manifestare per un cambiamento epocale, allontanando dal potere quanti, con la loro sete di ricchezza, con violenza e turpi attività e imposizioni, compromettono il destino dell’umanità e dell’ambiente.

“L’attuale umanità si trova in uno stato di confusione e senza protezione. I grandi progressi che essa ha realizzato in campo materiale non hanno portato vera felicità e non permettono di intravedere un futuro di serenità e pace: GUERRE, FAME, EPIDEMIE, CATASTROFI ECOLOGICHE, CRISI SOCIALI ED ECONOMICHE, ATTENTATI CONTRO LA LIBERTÀ PERSONALE SONO TANTI FLAGELLI CHE ASSILLANO, ATTUALMENTE, L’UMANITÀ E CHE OSCURANO IL SUO DESTINO.”

“In tempo di calamità è opportuno cambiare rapidamente quello che deve essere cambiato”

messaggio dall’Himalaya di Nicholas Roerich

LETTERA AL PRESIDENTE DELLA FEDERAZIONE RUSSA VLADIMIR VLADIMIROVIČ PUTIN DA PARTE DEL FONDATORE DEL PARTITO SOCIALISTA UNIVERSALE (PSU)

Egr. Presidente,

tu hai conosciuto l’Unione Sovietica con i suoi pochi pregi e molti difetti. Sei stato addestrato a difendere quel regime, con brutalità, come ufficiale del KGB. Hai assistito con amarezza, rabbia e dolore allo smembramento della tua patria ed all’indifferenza dell’Europa – GESTITA DA PREZZOLATI DELL’ALTA FINANZA – che nulla hanno fatto per migliorare le condizioni di precarietà e miseria in cui la popolazione russa era caduta. Questi inutili, corrotti ed incapaci burocrati europei non avevano capito, E NON HANNO CAPITO, che la Russia è parte integrante dell’Europa, senza la quale il vecchio continente non costituisce una valida realtà. Oggi hai mostrato i muscoli invadendo l’ucraina, anche se hai qualche ragione, dovuta all’insapiente, pericolosa e fallimentare politica europea condotta da uomini soggiogati dal potere finanziario e da quello criminale.

Ora è arrivato il momento di far tacere le armi e sistemare con saggezza ed equilibrio la questione ucraina. Ricordati che le guerre non portano mai “BENE” ai regimi come il tuo.

È opportuno dare un assetto stabile all’Europa e tu puoi avviarlo conducendo la Russia verso l’integrazione europea che potrebbe dare origine ad una realtà federata di tipo presidenziale; in cui la libertà, la fratellanza, la difesa della dignità umana, la prosperità e la ricerca del bene comune siano i valori fondanti di questa nuova e solida realtà politica che può dare stabilità e pace, non solo all’Europa ma al mondo intero. TIENI BENE INCISO NELLA TUA MENTE CHE: PICCOLE IDEE FANNO UOMINI PICCOLI E GRANDI IDEE FANNO UOMINI GRANDI!

I valori sopra elencati, ti sono stati insegnati nella vecchia unione sovietica, ANCHE SE SOLO DAL PUNTO DI VISTA TEORICO. Tu potrai iniziare il percorso che ti ho indicato, attribuendoti, legittimamente, il merito di esso. Ma non potrai portarlo a termine, poiché la Russia ha bisogno di personaggi che abbiano una storia, formazione e cultura diversa dalla tua e ciò per poterla cementare solidamente all’Europa. Quanto ti sto suggerendo non dovrebbe esserti difficile da realizzare. Di fronte ai nani politici e criminali finanziari, UOMINI SENZA VALORE, che purtroppo spesso hai subornato, e che stanno immiserendo, IN TUTTI I SENSI, i cittadini europei con le loro scelte economiche. Un esempio è dato dall’Italia governata da un criminale finanziario che sta impoverendo il Paese e distruggendo l’economia, DANDO SEGUITO AD UN REGIME CRIMINALE AMMANTATO DA UNA PSEUDO DEMOCRAZIA.

Io non posso essere tuo amico poiché ho una concezione del socialismo ben diversa dalla tua. Per me la libertà individuale, la vera democrazia basata sulla volontà popolare, la fratellanza, la solidarietà, la prosperità e la sincera ricerca del bene comune sono elementi inscindibili di un vero socialismo, in una società che tutela moralmente e fisicamente l’individuo rispettando e proteggendo l’ambiente che ci circonda e ci permette di vivere.

Spero che tu possa leggere queste parole e riflettere attentamente su di esse poiché sono dettate da una lunga esperienza e da una sincera volontà di intenti per aiutare te, il popolo russo e quello ucraino, e portare la pace in Europa e nel mondo.

Ti saluto

Il fondatore del PSU

Gennaro Ardolino

Una classe politica delegittimata e moralmente deprecabile, insieme ad un governo inadatto a promuovere il bene comune, sono idonei a gestire correttamente la grande massa di denaro del Recovery Plan?

La risposta al titolo del presente articolo è NO!

Una compagine politica con scarsi principi morali e la propensione a delinquere e nessun rispetto dei principi democratici, delle libertà e della tutela degli interessi del popolo non può gestire con efficacia, correttezza e buoni risultati ingenti risorse. Anzi tali risorse riempiranno le tasche di avidi predatori e finiranno per aggravare la situazione del Paese in termini di un corretto sviluppo, lotta alle disuguaglianze ed alla disoccupazione ed al benessere generale della comunità nazionale.

Il cobra (Draghi) non ha voluto affrontare e mettere in primo piano un duro contrasto alla corruzione, alle mafie ed alla criminalità finanziaria che costituiscono un grave ostacolo al cambiamento e ad una vera ripresa del Paese. Per contro, ha fatto approvare una legge penale che favorisce i gravi reati e subordina la giustizia al potere del Parlamento (soluzione tipica di un regime criminale ammantato da una pseudo democrazia). Questo fatto favorisce in misura consistente reati di corruzione ed associazione a delinquere.

Sia il governo che il Parlamento, nonché tutta la classe politica nella sua quasi interezza, sono stati squalificati e delegittimati dalle ultime elezioni: più del 60% degli elettori si sono astenuti dalle urne, tale fatto sancisce la necessità di una loro rapida sostituzione.

Sostituzione che deve avvenire con massicce proteste nelle piazze di tutta la penisola, per poi realizzare una nuova realtà politica, economica e di solidarietà sociale. Le manifestazioni dei novax sono riduttive ed occorre che esse si trasformino in azioni politiche, chiedendo la fine del governo Draghi e di una classe politica indegna, corrotta ed incapace, quando non criminale.

LE BUGIE E GLI INGANNI DI DRAGHI (ALIAS IL COBRA) ED IL GRAN PACCO AGLI ITALIANI. LA RIPRESA PER POCHI ED IL SALASSO PER MOLTI.

Il regime si sta difendendo strenuamente per non soccombere, aiutato dalle bande politiche e dai mercenari dell’informazione (la disinformazione strategica ad ampio raggio). Ma sarà tutto inutile poiché il suo destino è già segnato dalla volontà popolare. In buona sostanza il cobra (Draghi) vuole imporre al paese un’economia finanziaria, che ha rovinato molti paesi e ridotto in miseria interi popoli. Questa economia privilegia e tutela i detentori della finanza mondiale (circa 1% della popolazione) e fa sì che la ricchezza prodotta, in massima parte, finisca nelle loro mani. Essi finanziano e sostengono regimi e partiti oppressivi e la disinformazione dei media, con il fine di soggiogare i popoli e mantenere il loro potere. Per questo e per il grande pericolo che costituiscono per l’umanità, vanno combattuti ed annientati. Il sistema menzionato non permette un’equa distribuzione della ricchezza ed il benessere dei popoli, e sottrae risorse alla produzione di beni e servizi necessari ed indispensabili ai bisogni primari dei cittadini.

Cominciamo dall’aumento delle bollette della luce e del gas e dall’incremento dei prezzi dei generi alimentari di prima necessità. Per la luce ed il gas, l’incremento è stato tra il 18-20% sulle utenze private e di circa il 30% per le piccole e medie aziende.

I generi alimentari sono saliti del 20% in generale, di conseguenza le pensioni e le retribuzioni dei lavoratori hanno perso più del 15% del loro valore.

Si tratta di una situazione che in breve metterà in crisi lavoratori, pensionati e piccole e medie imprese, deprimendo l’economia e la circolazione monetaria. Il cobra (Draghi) poteva, se voleva, evitare tutto questo convocando le imprese energetiche e quelle della distribuzione alimentare, concordando con esse la stabilità dei prezzi e sanzionando le speculazioni e le rapine. Questo però non era nell’interesse del cobra e della sua gang di governo che hanno preferito tutelare gli interessi dei grandi prenditori, delle multinazionali e del capitale finanziario. Ipocritamente adesso si cerca di calmierare le bollette ed i prezzi, quando gli aumenti sono già scattati, adottando misure irrisorie ed insufficienti. UNA BELLA PRESA PER IL CULO PER GLI ITALIANI.

Passando poi ai licenziamenti ed agli sfratti, la responsabilità di essi va tutta attribuita a Draghi ed al suo governo, in concorso con i sindacati, che hanno favorito i “PRENDITORI” e danneggiato fortemente i lavoratori. Anche queste sciagurate misure si potevano evitare, mettendo in atto misure che garantivano una dignitosa esistenza e posticipando eventuali decisioni a riguardo. In questo caso si è trattato di un vero e proprio crimine, che denota una totale assenza di sensibilità sociale. Per le cartelle esattoriali è pronta un’altra presa per il culo dei cittadini.

La revisione del catasto è stata, PER IL MOMENTO, accantonata ma era in previsione una tassazione generalizzata e sostanziale sulla casa…

La riforma della giustizia penale, appena varata, favorisce l’impunità di parecchi reati e sarà un vero fallimento del sistema giudiziario, producendo notevoli danni allo stesso, senza dare la certezza di un giusto processo.

Il Recovery Plan di Draghi non è altro che una scatola vuota. Mancano progetti per le infrastrutture, per la riqualificazione urbanistica, per la messa in sicurezza del territorio, per l’incentivazione alla creazione di industrie ad alto valore aggiunto, un piano per debellare definitivamente la CRIMINALITA’ ORAGANIZZATA, FINANZIARIA E POLITICA che limitano la crescita, lo sviluppo e la democrazia. Vi è la “dimenticanza” di un progetto di una legge urbanistica con indirizzo nazionale per l’uso del suolo, la valorizzazione e la ristrutturazione dei centri urbani con la riqualificazione delle periferie, insieme ad un efficiente e sicuro utilizzo dei trasporti con un miglioramento della qualità della vita e dell’ambiente. Non vi è nessun indizio di un programma di difesa idrogeologica di tutto il Paese. È inesistente un piano industriale che possa dare un bell’impulso allo sviluppo e all’occupazione con un’equa distribuzione della ricchezza, con imprese che abbiano una reale e sincera vocazione della loro funzione sociale. Non c’è traccia di una corretta visione della distribuzione della ricchezza, ma è presente la volontà di concentrare la stessa in poche mani a danno dei cittadini.

Il cobra, non sa e forse non conosce, cosa sia la vera democrazia e COME REALIZZARE IL BENE COMUNE. Le gang che lo sostengono sono semplici appendici ed insignificanti contorni del suo potere. Peraltro queste bande hanno un consenso elettorale che va dal 3% ad un massimo del 10%. SONO DELLE NULLITA’ POLITICHE DESTINATE A SCOMPARIRE. I cittadini si sono già espressi il 3-4 ottobre ed oltre, in cui il 60% degli elettori hanno sfiduciato e umiliato il cobra e le sue bande. IL VERDETTO E’ STATO POLITICO, NON AMMINISTRATIVO, CON UN SIGNIFICATO INEQUIVOCABILE E CHIARO, CHE VUOLE DIRE: ANDATEVENE O VI CACCEREMO.

Il grande bidone

Lo sblocco dei licenziamenti, insieme ad altri sblocchi, costituiscono una grande fregatura ed un progettato inganno per i lavoratori ed i cittadini in generale. Questa decisione contribuirà a creare forti disagi tra la gente ed incrementerà la disoccupazione, le disuguaglianze e la miseria. In un’economia debole come quella italiana, con una classe imprenditoriale in maggioranza tutt’altro che affidabile, con intere regioni nelle ani della malavita che ne controlla l’economia e la politica; è da irresponsabili e da persone prive di scrupoli e sensibilità sociale aver avviato tali provvedimenti senza predisporre, per tempo, adeguate coperture sociali e rigidi controlli (in beneficio dell’economia) per contrastare efficientemente un’onda di crisi che sta per abbattersi sulla popolazione. Il governo, i politici ed i sindacati saranno responsabili di quanto accadrà. I lavoratori sanno cosa fare per difendere il loro pane e la loro dignità. Le linee guida di azione sono già state dettate dal PSU.

Il governo Draghi, insieme ai partiti che lo sostengono (M5S, Forza Italia, Lega, PD, Italia Viva… ), costituiscono un pericolo ed un danno per i lavoratori, le piccole e medie aziende ed i cittadini con redditi medio-bassi. È da criminali aver sbloccato (di fatto) i licenziamenti insieme ad altre situazioni, senza aver provveduto ad assicurare una vita dignitosa ai disoccupati. I sindacati, in concreto, hanno abbandonato i lavoratori al loro destino tradendo la loro funzione. I media cercano di minimizzare o di occultare i licenziamenti in corso ed i tanti che avverranno nel prossimo futuro.

Prima degli scellerati provvedimenti fatti dal governo, occorreva migliorare la situazione economica della popolazione prostrata da una lunga crisi. Era necessario portare le pensioni minime almeno ad 850€ al mese più altre provvidenze sugli affitti, sfratti e sui servizi. Mettere in campo, con rapidità, aiuti sostanziali per chi avrebbe perso il lavoro e bloccare i licenziamenti fino a quando questi aiuti fossero già operativi. Era fondamentale assicurare la tenuta dei vari comparti delle piccole e medie aziende ed incentivare la creazione di nuove imprese, sostituendo così “in parte” l’attuale classe imprenditoriale che ha scarse o nulle vocazioni sociali: caratteristiche essenziali per l’equilibrio e la stabilità delle comunità. Era urgente avviare la messa in sicurezza di tutto il territorio nazionale dal punto di vista idrogeologico e delle infrastrutture che si trovano in uno stato pietoso e pericoloso. Queste modeste provvidenze, se attuate, creerebbero un buon dinamismo economico che, supportate da progetti di più ampia portata, incrementerebbero la ricchezza e la prosperità del Paese. Accanto a quanto detto era necessaria una energica bonifica morale e politica con la lotta ad oltranza e senza quartiere alla criminalità organizzata politica e finanziaria ed ad una galoppante corruzione, adottando il carcere per gli evasori fiscali per importi significativi, e ciò dopo una giusta ed equilibrata riforma fiscale. Va evidenziato che l’economia italiana è fragile e che la classe imprenditoriale, per una consistente parte, è da sostituire. Le balle dei grandi esperti in economia che prevedono un grosso incremento dello sviluppo, non sono altro che balle se non si correggono distorsioni endemiche che affliggono l’Italia.

Tra i tanti disastri fatti da questo governo, e quelli che si accingono a fare, ve ne è anche uno di particolare gravità, che è la proposta di legge per la riforma della giustizia. Tale proposta è in realtà un’amnistia occulta e permanente regalata alla criminalità organizzata politica e finanziaria, ed incrementerà la corruzione insieme ai reati ambientali. Questo disegno di legge presentato non cura i malanni della giustizia italiana che sono principalmente: la poca efficienza, la corruzione, la non certezza della pena e del proprio diritto. Il PSU metterà fine a queste storture con leggi chiare e giuste e creando una polizia speciale, in grado di scovare i criminali, di varia natura, ospitati in compiacenti Paesi e confiscare i loro patrimoni.

In merito al morbo Covid, vi è stato un gravissimo errore fatto dal governo in carica che ha passato rapidamente tutte le regioni in zona bianca decretando il “liberi tutti”. Questo già sta producendo un rapido incremento delle infezioni, che aumenteranno significativamente tra il mese di agosto e settembre, portando tutte le conseguenze che ne derivano. In realtà sia il governo italiano che quello degli altri Paesi cercano attraverso lo stato di emergenza di controllare e contenere le reazioni popolari, ma questo non farà altro che produrre in breve tempo una violenta reazione. Tutti i popoli si devono unire, e con manifestazioni energiche devono cambiare, in fretta, quello che deve essere cambiato per evitare grandi tragedie.

A tale proposito è opportuno ripubblicare su questo sito l’articolo di Nicholas Roerich “Mutatis Mutandis”, quanto mai attuale.

La creazione del Partito Socialista Universale e la necessità di una nuova sinistra nel mondo

La crisi economica mondiale sta impoverendo intere nazioni, solo un partito con grandi ideali ed una visione globale delle esigenze dei popoli può realmente contribuire ad un’efficace soluzione del dramma mondiale che investe intere popolazioni. Sempre più l’economia globalizzata spinge grandi masse di persone verso la soglia dell’indigenza e del degrado. Se a tale stato non si pone un freno, ben presto si avrà una destabilizzazione mondiale sia economica che politica. I partiti di sinistra attivi attualmente nei vari Stati, o sono complici di questa crisi o non hanno nessuna idea o programmi per uscire dall’attuale emergenza mondiale. In realtà essi tendono solo a perpetuare la loro posizione per interessi specifici e di poltrone. Il PSU con i suoi ideali di libertà, giustizia, fratellanza, solidarietà e prosperità e con la sua teoria economica basata sull’occupazione e lo sviluppo può efficacemente contribuire alla soluzione della crisi mondiale, propugnando la sostituzione di un’economia di crisi permanente con quella di un reale sviluppo e benessere dei popoli.

Il PSU con i suoi ideali di libertà, giustizia, fratellanza, solidarietà e prosperità e con la sua teoria economica basata sull’occupazione e lo sviluppo può efficacemente contribuire alla soluzione della crisi mondiale

La concezione di una nuova innovativa economia, basata sui fattori sociali dello scambio dei beni e di un sistema economico fatto per l’uomo, per la sua evoluzione materiale e spirituale, questo porterebbe a radicali cambiamenti dei rapporti e delle regole economiche. Sulla base di questa nuova teoria ogni atto produttivo ed economico sarebbe valutato secondo il suo vero e concreto apporto nel quadro della generale prosperità dei singoli e dei vari Stati. È un cambiamento epocale a cui aspira il PSU a fronte di una crisi epocale che tende ad impoverire l’uomo spiritualmente e materialmente. Per avere più informazioni sul PSU il lettore può collegarsi al sito www.partitosocialistauniversale.it.

Gennaro Ardolino
Fondatore del PSU

Articolo pubblicato all’atto della fondazione del Partito Socialista Universale.

UN ASSAGGIO DEL PROGRAMMA DEL PSU PER L’ITALIA

SCHEMA GENERALE DEI TRASPORTI E DELLE SUE INTERAZIONI; E
ORGANIZZAZIONE DEL CONTROLLO DEL TERRITORIO ATTRAVERSO I VST

PRIMA PARTE

LO STATO ATTUALE DEL PAESE

Prima di esporre il programma del partito e gli obiettivi che esso si prefigge, è necessario parlare delle condizioni in cui si trova l’Italia. La disoccupazione generale si aggira intorno al 15%, quella giovanile tocca il 50% con punte del 65% in alcune regioni. La povertà investe più di 10milioni di persone, quasi il 18% della popolazione, ed è destinata ad aumentare. La criminalità controlla vaste zone del territorio nazionale e della sua economia, imponendo il pizzo e facendo lavorare solo le ditte ad essa collegate (UNA SITUAZIONE CHE E’ UNA VERGOGNA PER L’ITALIA, E LA SQUALIFICA IN CAMPO INTERNAZIONALE). Estese aree della Penisola hanno un’economia in prevalenza a carattere criminale. La classe politica è formata, principalmente, da individui con scarsa moralità, inclini alla corruzione ed al rapporto con la malavita, anzi spesso vivono in simbiosi con essa in una relazione così definita: VOTI IN CAMBIO DI APPALTI E CONTROLLO DEL TERRITORIO. Lo stato di cose descritto è riscontrabile in buona parte degli enti territoriali e nel parlamento italiano, dove gli inquisiti e i condannati sono in numero cospicuo. Una fetta non trascurabile degli imprenditori si è adattata a questa situazione di degrado, corruzione ed intimidazione generale. Molte valide attività produttive vivono con difficoltà, soffrono ed affrontano crisi periodiche in questo clima. Queste aziende sono le migliori del Paese in termini di tecnologia e corretta gestione. La situazione industriale complessiva è semplicemente tragica, in meno di 10 anni il Paese ha perso più del 40% delle piccole e medie aziende e dell’artigianato, che costituivano il tessuto produttivo, diffuso su tutto il territorio della Penisola. Manca una politica industriale e le banche, più che agevolare le imprese con crediti, preferiscono speculare con azzardi finanziari, per poi far pagare i danni a tutto il Paese, come è accaduto per il fallimento di vari istituti di credito. Il sistema bancario nazionale è nelle mani di speculatori senza scrupoli e non è più idoneo a svolgere la sua funzione di supporto all’economia e agli interessi generali. La tassazione delle imprese va oltre il 55% dell’imponibile, questo rappresenta un carico insostenibile per qualsiasi imprenditore serio.

L’entità impositiva nei confronti dei comuni cittadini, non è meno vessativa e crea una carenza di circolazione monetaria ed uno scarso sviluppo. Il debito pubblico è notevole ed è destinato a crescere in una situazione come quella descritta. Le crisi finanziarie non sono finite e vi saranno sviluppi e criticità per il futuro. In circolazione vi è una massa di titoli fasulli (carta straccia) dieci volte il PIL mondiale…

La gestione del potere in Italia, da decenni, è nelle mani di gruppi legati all’alta finanza ed a politici senza scrupoli. Essi da tempo, pur di mantenere questa situazione, hanno costituito uno Stato parallelo che controlla e gestisce quello apparente, con una democrazia formale e finta, dove l’informazione è quasi tutta controllata ed addomesticata. I grossi gruppi industriali vengono fuori, quasi tutti, da questa realtà. Significativo è l’esempio di Berlusconi, per il passato (è facile fare l’imprenditore riciclando capitali di dubbia provenienza, farsi leggi ad interesse personale ed avere la copertura della mafia in un Paese ad alta criminalità – leggi su fb https://goo.gl/5vrHcM ). Più recentemente vi è il caso Consip dell’imprenditore Romeo ed il vergognoso business sugli emigranti.

In campo internazionale l’Italia è considerata come uno dei Paesi più corrotti del mondo, con un alto tasso di criminalità; e la sua classe politica è scarsamente considerata e poco rispettata. I gruppi di potere hanno nelle loro mani la ricchezza del Paese e faranno di tutto pur di mantenere l’attuale situazione: creeranno leggi elettorali anticostituzionali, truccheranno i risultati elettorali e cercheranno di influenzare con i media i cittadini. In questo programma avranno come spalla il Movimento di Beppe Grillo. IL COMICO HA FONDATO I 5STELLE CON L’INTENTO DI FARNE IL SUO SALVADANAIO (la Casaleggio&associati ha sostituito Beppe Grillo, ma ha gli stessi scopi: FARE SOLDI). I bilanci della Casaleggio Associati non sono trasparenti e non sono stati mai realmente resi pubblici. I fondi accumulati dai parlamentari grillini, in realtà sono gestiti dal comico e nulla si sa sui movimenti di questi fondi, del loro utilizzo e quanti danari, realmente sono andati alle imprese che dicono di aver finanziato. Il Movimento avrebbe già potuto mettere in crisi l’attuale regime che devasta il Paese, ma questo non rientrava e non rientra negli scopi e negli interessi di Beppe Grillo.

Da quanto esposto, risulta chiaro che in Italia manca una valida classe politica ed una imprenditoriale, all’altezza delle necessità del Paese. La Confindustria, la cui direzione il partito ha definito: “LA BANDA DEI MANDARINI, RISULTA ESSERE PIU’ INTERESSATA ALLE COMMESSE E AGLI AFFARI DEI GRANDI GRUPPI, E POCO O NULLA FA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, TRASCURANDO DI DARE UN CONCRETO CONTRIBUTO ALLA POLITICA INDUSTRIALE E ALL’OCCUPAZIONE”. I lavoratori in quattro anni, hanno perso i diritti acquisiti in un secolo di lotte e vivono in uno stato di perenne precarietà. Di tutto ciò sono gravi le responsabilità dei sindacati. Per tali motivi il partito incoraggia la trasformazione dei sindacati esistenti e la fondazione di nuovi, realmente svincolati dai partiti e dagli interessi di governo e che effettivamente tutelino le necessità dei lavoratori. La situazione meridionale si è fortemente aggravata e tende a peggiorare. Marcatamente, si sente l’assenza di un ceto intellettuale. Quelli esistenti, in maggioranza, sono “pensatori” che da tempo si sono prostituiti ad un potere criminale. Il regime esistente ha desertificato l’economia, la politica e la cultura, con la finalità di esercitare meglio e più efficacemente il controllo sul popolo, e per questo ha commesso un grave delitto che non può essere punito che con una futura legge per “crimini contro il paese”. GLI ITALIANI DEVONO IMPARARE AD ODIARE E COMBATTERE L’INDEGNA E CORROTTA PLETORA DI POLITICI CHE LI GOVERNA, DISERTANDO LE URNE, NON VOTANDO ED ISOLANDO QUESTA MASNADA DI BANDITI. POI LA LEGGE PER “CRIMINI CONTRO IL PAESE” FARA’ IL RESTO, TOGLIENDOLI DALLA CIRCOLAZIONE. INSISTIAMO E LO RIPETIAMO ANCORA UNA VOLTA CHE: “UN POPOLO PER LIBERARSI DAI SUOI OPPRESSORI E SFRUTTATORI DEVE CACCIARE LE PALLE”. Sulla questione ambientale, possiamo affermare senza temere di essere smentiti, che il “BEL PAESE” è stato intensamente violentato. Il consorzio criminale malavita-politica-cattiva imprenditoria ha lavorato alacremente per fare il massimo danno. In una discreta parte della Penisola, il suolo e l’aria risultano seriamente compromessi. Per esempio: in Campania i suoli per il 17% risultano inquinati e l’aria è mefitica in molte zone e vi è anche una notevole incidenza di malattie tumorali specie tra i piccoli. La cementificazione selvaggia si estende a tutto il territorio nazionale, in assenza di un’adeguata norma urbanistica e di seri controlli, oltre che ad una dilagante corruzione. Per il dramma e la tragedia dell’immigrazione, il fenomeno è stato affrontato in modo confuso e disordinato e se ne è fatto un vergognoso business. Il “CRETINO” di turno ha pensato che, subornando i trafficanti di esseri umani, abbia risolto il problema. In realtà ha solo “MOMENTANEAMENTE E PER FINI ELETTORALI” ridotto il fenomeno, che esploderà più forte ed intensamente di prima. Pagando chi vive sulla tratta di un nuovo schiavismo oltre ad essere immorale, determinerà una continua e costante richiesta di denaro, che se non concesso, farà riversare sulle nostre coste centinaia di migliaia di disperati. L’IMMIGRAZIONE È ANCHE ACCOMPAGNATA DA UN FLUSSO DI MILIONI DI DOLLARI SU CONTI E BANCHE ESTERE. Il futuro delle nuove generazioni è nero nel nostro Paese, come è nero quello di tutti noi. I giovani oltre alla precarietà si troveranno con una ridotta ed insufficiente pensione. Il fatto creerà l’impoverimento complessivo, una marcata riduzione delle attività produttive ed una forte decadenza del BEL PAESE. Questa è la realtà complessiva in cui viviamo e con cui la NUOVA REPUBBLICA dovrà fare i conti, chiamando i cittadini ad uno sforzo comune per la rinascita dell’Italia. IL REGIME NASCONDERA’ SEMPRE LA NOSTRA VERA E REALE CONDIZIONE E “DIFFONDERA’ BUGIE A DOSI ATTRAVERSO I MEDIA”. PER DIRLA IN BREVE: QUESTA MARMAGLIA POLITICA CHE DIVORA IL PAESE DEVE SCOMPARIRE DALLA VITA POLITICA, LA SUA PERMANENZA AL POTERE COSTITUISCE UN OSTACOLO ED UN PERICOLO PER IL NOSTRO SVILUPPO, PROGRESSO, RINNOVAMENTO E FUTURO.

SECONDA PARTE

IL PROGRAMMA DEL PSU PER LA NUOVA REPUBBLICA

Scopo fondamentale, irrinunciabile ed inderogabile, pena la compromissione della creazione di un nuovo Stato – che deve essere un’entità degna, seria e rappresentativa delle necessità dei cittadini – è l’annientamento dell’attuale classe politica attraverso l’astensione dalle urne ed il non voto ad i suoi rappresentanti. LA TUTELA E LA PROTEZIONE DEI CITTADINI SARA’ L’ESSENZA DELLA REPUBBLICA RINNOVATA E LO SVILUPPO DOVRA’ ESSERE INTESO COME MIGLIORAMENTO COMPLESSIVO DELLA SOCIETA’, CHE E’ FATTA DI PERSONE. Le manifestazioni nelle piazze dovranno essere estese in tutti gli 8mila comuni d’Italia, con la finalità di far dimettere il parlamento, il governo ed il Presidente della Repubblica che sono tutti “ABUSIVI ED ILLEGITTIMI” in quanto eletti da una legge dichiarata anticostituzionale. Ciò vale anche per il nuovo governo e parlamento che verranno, e che certamente saranno eletti con leggi a dir poco favorevoli al regime (PER NON DIRE ILLEGALI IN QUANTO PERMETTERANNO A CONDANNATI DI GRAVI REATI E A PLURI INQUISITI DI CANDIDARSI, OLTRE CHE ANTICOSTITUZIONALI E LIBERTICIDE POICHE’ NON PERMETTERANNO AGLI ELETTORI DI SCEGLIERE I PROPRI CANDIDATI). Altri metodi opportuni, saranno attuati per raggiungere lo scopo indicato e per ottenere l’allontanamento dal potere del ceto politico esistente. Dopo questa fase, sarà costituita ed eletta dal popolo una giunta di governo ed un Presidente provvisorio che saranno in carica per 7 mesi. IN ALTERNATIVA ALLA GIUNTA SI PUÒ ELEGGERE UN PARLAMENTO, CON UN PRESIDENTE ED UN GOVERNO PROVVISORI. Immediatamente la nuova struttura di governo indirà le elezioni dei membri per la modifica parziale della carta costituzionale. La modifica riguarderà l’introduzione di alcuni articoli dei diritti universali dell’umanità nella prima parte di essa. La seconda parte sarà riscritta per la formazione di una repubblica presidenziale, rappresentativa di tutte le forze politiche esistenti nel Paese e che abbia un esecutivo unitario, autorevole, efficiente e legittimo, nonché rispettoso della separazione dei poteri esistenti nello Stato (giudiziario, legislativo, esecutivo). Nei sette mesi il Paese sarà governato dalla giunta in forma ordinaria e con le leggi esistenti. Approvazione della nuova costituzione mediante referendum. Elezione del Presidente della Repubblica e dei membri del Senato e della Camera, scelti direttamente dagli elettori. IL PERCHE’ IL PSU PREFERISCA LE REPUBBLICHE PRESIDENZIALI, AL POSTO DI QUELLE PARLAMENTARI, E’ DOVUTO A CHE NELLE REPUBBLICHE PARLAMENTARI IL PRESIDENTE ELETTO DAL PARLAMENTO E’ UN SURROGATO DELLO STESSO (CIOE’ DEL POTERE LEGISLATIVO), ED E’ LIMITATO E SOGGETTO ALLE OLIGARCHIE PARLAMENTARI CHE, DENTRO E FUORI DI ESSO, NE CONDIZIONANO L’AUTONOMIA, COME AVVIENE IN ITALIA ED IN ALTRI STATI CON ORDINAMENTI SIMILI. IL PRESIDENTE ELETTO DIRETTAMENTE DAL POPOLO, INSIEME AL SUO GOVERNO, HA L’AUTORITA’ E L’INDIPENDENZA NECESSARIE AL POTERE ESECUTIVO, ED E’ SOGGETTO SOLO AL CONTROLLO DEL PARLAMENTO, DELLE LEGGI E DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI DI VERIFICA. IL MONTESQUIEU CHIARISCE MOLTO BENE LA NECESSITA’ DELL’INDIPENDENZA DEI TRE POTERI (LEGISLATIVO, ESECUTIVO E GIUDIZIARIO) NEL SUO LIBRO “LO SPIRITO DELLE LEGGI” MENTRE JEAN-JACQUES ROUSSEAU SPECIFICA CHE OGNI POTERE DERIVA DAL POPOLO E DALLA SUA VOLONTA’ NEL SUO TESTO “IL CONTRATTO SOCIALE”. I PENSIERI DEI DUE ILLUSTRI ILLUMINISTI SONO STATI LE FONDAMENTA SULLE QUALI POGGIAVANO E POGGIANO TUTTE LE COSTITUZIONI MODERNE. E’ BENE SEMPRE RICORDARE, COME MONITO PER I POPOLI E PER LE NAZIONI, CHE: IL POTERE CORROMPE, ED IL POTERE ASSOLUTO CORROMPE ASSOLUTAMENTE (MONTESQUIEU). Riorganizzazione delle forze armate, della polizia e dei servizi segreti (che dovranno essere opportunamente bonificati e ripuliti) secondo le esigenze e le necessità del nuovo Stato. Reintroduzione della leva obbligatoria e formazione del corpo dei volontari per la difesa del territorio (V.S.T.) a cui potranno accedere i chiamati alla leva che vorranno essere esclusi dal servizio militare. Il corpo sarà aperto anche alle donne nella misura della disponibilità. I VST saranno disarmati e muniti unicamente di manganelli e manette, il loro numero sarà di una unità ogni 300 abitanti con un minimo di tre persone. La loro presenza sarà estesa a tutti i comuni italiani. Le pattuglie saranno formate da un minimo di tre uomini ed un massimo di dodici uomini, avranno il compito di pattugliare e controllare il territorio e tutelare l’incolumità dei cittadini. La loro attività sarà svolta sia di giorno che di notte in tutti i quartieri. Essi saranno costantemente in contatto con la polizia e l’esercito, e dipenderanno dalle forze armate e soggetti alla legislazione militare ed ai suoi tribunali. L’uccisione di un VST sarà punita con l’ergastolo ed il ferimento con una pena di oltre dieci anni. Revisione e riorganizzazione dei codici e dei tribunali per rendere il corso della giustizia rapida ed efficiente con pene certe.Le leggi dovranno essere semplici chiare e di inequivocabile interpretazione. I GIUDICI DOVRANNO APPLICARE LE LEGGI E NON INTERPRETARLE. Elezioni del CONSIGLIO DI DISCIPLINA E DEI MERITI DELLA MAGISTRATURA, che si dovrà occupare di quei giudici che avranno commesso reati nell’esercizio delle loro funzioni. Il consiglio sarà formato per 1/3 da avvocati in pensione (selezionati in funzione della loro attività nei giudizi di Appello e di Cassazione, che abbiano sempre avuto una condotta morale e si siano distinti per competenza, alto senso del dovere, rispetto della legge e che non abbiano mai difeso malavitosi, criminali politici e finanziari, successivamente condannati i forma definitiva); 1/3 da magistrati in pensione (candidati tra quanti abbiano dato prova di grande correttezza deontologica, serietà e competenza, e partecipato ad importanti processi contro la corruzione, delinquenza politica, organizzata e finanziaria, distinguendosi per rigore, impegno ed alto senso degli interessi morali nazionali, sia in Corte d’Appello che in Cassazione); 1/3 da cittadini con requisiti morali e culturali adeguati (scelti tra docenti universitari di materie giuridiche che non svolgano attività professionale e che non siano associati a studi e che abbiano: pubblicato importanti testi sul diritto sia in campo nazionale che estero; effettuato significative conferenze in Italia e fuori; tenuto una condotta irreprensibile con un grande rispetto per la giustizia e la difesa della dignità umana. In questa compagine saranno inclusi anche uomini di cultura che con i loro scritti abbiano sempre difeso la libertà, la democrazia, la giustizia, il rispetto dell’uomo e dei suoi valori, ed evidenziato IL GRAVE PERICOLO CHE UN POPOLO CORRE QUANDO E’ AFFETTO DAL CANCRO DELLA CORRUZIONE INCREMENTATO DALLE ATTIVITA’ MALAVITOSE DI OGNI GENERE. La loro condotta dovrà essere esente da situazioni deprecabili ed infamanti). Il consiglio di disciplina sarà formato da un minimo di 21 membri ed un massimo di 31. Il presidente sarà eletto in votazione plenaria a maggioranza dei voti. Una sezione (commissione) del detto consiglio sarà eletta e distaccata, con gli stessi criteri descritti, per valutare e nominare i presidenti dei tribunali e delle procure, in base al merito, per carriera, corsi e preparazione documentati ed una prova scritta ed orale che includa anche l’equilibrio, la stabilità psicologica ed un alto senso etico. Il numero di questa commissione non potrà essere inferiore a 7 e superiore a 13. VA SPECIFICATO CHE NESSUN ORGANO DELLO STATO PUO’ GIUDICARE SE’ STESSO. CIO’ DEVE ESSERE FATTO DA UN’ORGANIZZAZIONE ESTERNA APPOSITAMENTE COSTITUITA. Tutti i componenti del consiglio di disciplina e dei meriti dovranno avere una specchiata moralità, non dovranno appartenere a nessun partito o svolgere attività politica. I rappresentanti saranno designati attraverso elezioni nazionali dell’ordine degli avvocati, quello dei giudici e l’altro terzo dai cittadini. La carica avrà durata di 3 anni e sarà esercitata solo unicamente per un mandato, senza possibilità di deroghe. NESSUN GIUDICE, IN ATTIVITA’, POTRA’ OTTENERE INCARICHI DA ALTRI POTERI DELLO STATO SENZA ESSERSI DIMESSO DEFINITIVAMENTE DALLA MAGISTRATURA E SARA’ PRECLUSO IL SUO RIENTRO IN ESSA; CIÒ EVITERÀ LE INTERFERENZE TRA I POTERI DELLO STATO, COMMISTIONI, CONDIZIONAMENTI E TRAFFICI DI INFLUENZE (COME AVVIENE ATTUALMENTE), ASSICURANDO, PER QUANTO POSSIBILE, UN GIUSTO E CORRETTO SVOLGIMENTO DEI PROCESSI E DELLE RELATIVE SENTENZE. LA COMPOSIZIONE DELLA CORTE COSTITUZIONALE SARA’ DEFINITA DALLA NUOVA COSTITUZIONE.

Ristrutturazione ed ammortamento del debito pubblico. La riduzione del debito pubblico avverrà attraverso l’aumento della ricchezza nazionale con lo sviluppo (PIL), la riduzione dei costi degli enti pubblici con la loro riorganizzazione, efficienza e razionalizzazione (miglioramento dell’avanzo primario). Il servizio sanitario sarà pubblico e gestito direttamente dallo Stato, sarà potenziato e migliorato per dare agli italiani un’assistenza efficiente e sicura, a tutela principalmente delle fasce di reddito medio-basse.  NUOVA LEGGE A DIFESA E TUTELA DEI LAVORATORI E DELLA DIGNITÀ DEL LAVORO. Politiche a favore della famiglia: esse dovranno prevedere la protezione del nucleo familiare, della maternità e della dignità femminile. Le mense delle materne e delle elementari saranno gratuite e controllate da ispettori pubblici, con obblighi, doveri e sanzioni severissime. Le ferie estive per i piccoli delle elementari e materne saranno gratuite e realizzate in colonie pubbliche, per chi ne farà richiesta, e per le famiglie a basso reddito. Ristrutturazione e riqualificazione di immobili pubblici per un loro utilizzo. Abolizione del canone RAI e trasformazione di questa azienda in una simile alla BBC e CNN, completamente svincolata dai partiti. Stimolazioni ed incentivazioni per la creazione di un’informazione libera ed indipendente. Rimozione del segreto di Stato su stragi, rapporto stato-mafia, corruzione, truffe bancarie, etc… con la riapertura dei processi ad essi riferiti. Approvazione della legge per “CRIMINI CONTRO IL PAESE” CON RETROATTIVITA’ AGLI ANNI ’70. Tale legge prevederà il lavoro obbligatorio, la perdita dei diritti acquisiti, la confisca di tutto il patrimonio del reo incluso quello familiare. La pena sarà estesa in forma raddoppiata per prestanomi, collaboratori e quanti abbiano dato aiuto al reo. Riorganizzazione delle strutture penitenziarie e dei plessi carcerari. Riordinamento della Banca d’Italia, che dovrà avere funzioni ispettive, essere indipendente, conservare e tutelare le riserve auree, emettere moneta con l’accordo della banca europea, monitorare lo stato, il funzionamento e la correttezza delle banche, controllare l’inflazione, verificare congruità e stabilità dei prezzi, intervenire sul corretto flusso del credito. Rimodulazione del sistema bancario con la separazione delle banche d’affari da quelle per l’erogazione del credito. Fondazione della “BANCA DELLO SVILUPPO” che avrà il compito di incamerare e gestire tutti i patrimoni confiscati ai mafiosi, ai corrotti e a quanti si sono macchiati di reati contro lo stato per truffe, inganni nella modalità della svendita e del furto del patrimonio dello Stato ecc… e a quelli condannati per crimini contro il paese. La banca avrà una gestione pubblica ed erogherà crediti agevolati alle piccole e medie aziende, favorendo la creazione di nuove società. NOTA PARTICOLARE: appena confiscatele aziende, CON EFFETTO IMMEDIATO, esse entreranno a far parte della BANCA DELLO SVILUPPO. Saranno ristrutturate e riorganizzate, poi affidate a manager di provata capacità ed onestà, che dovrà avere un solo incarico di gestione, o di altri tipi, durante il periodo della conduzione aziendale. Egli risponderà in proprio per una fraudolenta o cattiva gestione, secondo la legge per crimini contro il Paese. Il manager sarà affiancato da un comitato, eletto dal personale, per la conduzione delle strategie della politica aziendale, attività produttive, miglioramento ed adeguamento delle strutture. IL PERSONALE AVRA’ L’OBBLIGO DI DENUNCIARE QUALUNQUE ATTIVITA’ CHE METTA IN PERICOLO O PREGIUDICHI IL FUTURO DELL’IMPRESA. Sia il manager che il personale avranno diritto a premi di produzione ed agli utili dell’impresa, secondo la loro responsabilità e partecipazione. QUESTE RINNOVATE REALTA’ AZIENDALI SARANNO AGEVOLATE NELL’AFFIDAMENTO DEGLI APPALTI PUBBLICI E COSTITUIRANNO UN POLO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE, E SARANNO DI AIUTO A QUELLE ESISTENTI, NON COLLUSE CON LA MALAVITA, FACENDO IN MODO CHE QUESTE ULTIME SIANO PROGRESSIVAMENTE CHIUSE O ESPULSE DAL MERCATO. Particolare attenzione ed agevolazioni saranno fatte per quelle attività che consentiranno la partecipazione dei lavoratori nella gestione e determinazione degli obiettivi aziendali (ciò avviene da tempo in Germania), con la premiazione degli stessi sugli utili dell’impresa. Tutti i manager della Banca dello Sviluppo saranno pubblici e le imprese che otterranno le agevolazioni saranno sottoposte a ispezioni e revisioni contabili da parte della banca e soggetti alle leggi per crimini contro il Paese. L’obiettivo primario della banca sarà quello di creare sviluppo ed occupazione attraverso nuove imprese ed il potenziamento di quelle esistenti che dovranno introdurre un alto tasso di qualità ed avere un’elevata tecnologia. Attenzione particolare sarà posta per il meridione, violentato in vario modo da oltre un secolo. Basta ricordare che, quando Garibaldi entrò a Napoli, era protetto dai camorristi e la camorra svolse in città la funzione di ordine pubblico dopo aver raggiunto un accordo con le istituzioni locali. Garibaldi era al corrente di tutto ciò e questo dimostra quanto sia antico e consolidato il rapporto malavita-potere costituito. Fondamentale sarà la missione della Banca dello Sviluppo per l’abbattimento della disoccupazione giovanile, specie al sud, con la creazione di imprese ben condotte ed amministrate e con un alto livello di qualità tecnologica. Regolamentazione e tassazione degli enti finanziari e delle loro transazioni. Disciplinamento del mercato, con esemplari condanne per le imprese che faranno cartello e che pregiudicheranno e trufferanno i consumatori; per queste si potrà arrivare fino alla loro confisca ed il loro incameramento nella Banca dello Sviluppo. Divieto di esportazione di capitali e confisca delle banche o aziende che lo praticano. Per gli scambi ed il commercio estero sarà varata un’adeguata legge con rigidi controlli. Piano di ammodernamento delle infrastrutture, con il potenziamento dei porti e l’interfaccia mare-ruota-ferro. Questo produrrà la riduzione del traffico, dei costi e permetterà il decentramento dei flussi di transito, aumentando la rapidità a beneficio di tutta la collettività, e riducendo fortemente l’inquinamento sulle strade ed in prossimità di esse. Approvazione di una legge urbanistica nazionale per l’edificazione e l’utilizzo dei suoli e di norme tecniche di facile ed efficace attuazione. Varo di un programma ventennale per mettere in sicurezza tutto il territorio nazionale, dal punto di vista idrogeologico e sismico. Misure per l’accorpamento della proprietà fondiaria e la creazione di aziende agricole competitive e di sufficiente ampiezza. Agevolazioni a giovani imprenditori agricoli per la loro attività sia in pianura che in montagna (specie per il rimboschimento e la tutela del patrimonio silvicolo, l’agricoltura biologica e la zootecnia). I PIANI ELENCATI SARANNO VARATI ANCHE SENZA TENER CONTO DEI VINCOLI EUROPEI. Tassazione delle piccole e medie imprese e dei lavoratori del 25% fino ad un certo importo dell’imponibile (come più volte proposto dal PSU e non come vuole Berlusconi, per i suoi interessi, spalleggiato dall’ignorante Salvini). Per le aziende che investono in occupazione ed alta tecnologia, vi saranno adeguate agevolazioni, attraverso la Banca dello Sviluppo. Per le multinazionali e le grandi imprese si partirà dal 35% di tassazione dell’imponibile, che in progressione arriverà ad un massimo del 50%. La no-tax per la prima casa di consistenza fino a 150mq e relative pertinenze, il tutto non dovrà essere di lusso, e l’agevolazione sarà esclusivamente applicata a favore di famiglie di basso e medio reddito. In virtù della bassa ed equa tassazione e dei tanti incentivi, L’EVASIONE FISCALE DOVRÀ ESSERE PUNITA CON L’ARRESTO ED IL CARCERE, COME AVVIENE IN NORD AMERICA, POICHÉ I SUOI NOCIVI EFFETTI SONO SIMILI A QUELLI DELL’ECONOMIA CRIMINALE. L’acqua domestica sarà resa pubblica con tariffe sociali e per i meno abbienti sarà gratuita, quando non vi saranno eccedenze. Riorganizzazione delle regioni e delle loro competenze e ristrutturazione degli enti locali sulla base dell’efficienza e della qualità dei servizi ai cittadini. Essi attualmente costituiscono un potere politico nelle mani di autentiche bande, e non un servizio alle comunità. Le pensioni minime saranno di 850 euro nette, con servizi alle persone e con la riduzione delle bollette di luce e gas. LE PENSIONI D’ORO E QUELLE ELEVATE SARANNO RIDEFINITE SULLA BASE DELL’EQUITÀ E DELLA SOLIDARIETÀ. Il nuovo Stato avrà l’obbligo di assistere i cittadini meno fortunati e bisognosi, assicurando ad essi una vita dignitosa ed un tetto, come sarà previsto dalla nuova Costituzione. Per gli idonei al lavoro sarà fatto obbligo di svolgere un’attività. Proposta per la riorganizzazione della Confindustria rendendo pubblico il suo bilancio e democratica l’elezione del suo presidente e del consiglio. QUESTA ORGANIZZAZIONE DOVRÀ SVOLGERE ATTIVITÀ IN FAVORE DELLO SVILUPPO E DELL’OCCUPAZIONE. Lotta ad oltranza, INCISIVA E RISOLUTIVA, contro la criminalità organizzata, quella politica e quella finanziaria. I rei saranno processati anche per crimini contro il Paese. Le loro famiglie saranno trasferite in zone di sicurezza, poiché è noto che le famiglie collaborano e sono parte attiva nelle attività delinquenziali. La loro casa sarà confiscata ed assegnata a chi ne ha diritto. Qualora l’assegnatario dovesse rifiutare perderà ogni altro diritto ad avere una casa. Se poi nello stesso stabile si verificheranno attività criminali, lo stesso sarà sgombrato e le famiglie trasferite in zone di sicurezza, e gli appartamenti assegnati a chi ne ha diritto. Questo metodo sarà applicato in ogni quartiere. Il nuovo Stato non può perdere la guerra, poiché di guerra si tratta, contro la malavita di qualsiasi genere, ne va della sua legittimità e dei suoi obblighi nei confronti dei cittadini. La drammatica situazione del Mezzogiorno dovrà essere risolta attraverso un piano organico di sviluppo in grado di elevare la condizione di vita dei suoi cittadini. L’azione repressiva può avere un senso ed un risultato solo se accompagnata dall’aumento della ricchezza e da servizi adeguati e dignitosi per le famiglie. Questo può essere ottenuto solo con un sano e corretto sviluppo delle aree meridionali, oltre che dalla sostituzione dell’attuale classe dirigente corrotta ed incapace e spesso criminale. La questione meridionale si trascina da oltre un secolo e trova le sue radici nella violenta e repressiva unificazione italiana che aggravò le condizioni economiche e sociali del sud. A conferma della nostra tesi, riportiamo le parole del generale Sacchi, che comandò la repressione del brigantaggio in Calabria, che disse: “NOI ABBIAMO TOLTO GLI UOMINI, MA HO LA FERMA CONVINZIONE CHE LE CALABRIE TROVERANNO ALTRI PALMA (“brigante”), SE LE CAUSE MATERIALI, MORALI CHE INGENERANO IL BRIGANTAGGIO NON SIANO COMBATTUTE DALLO SVILUPPO E DAL BENESSERE MATERIALE E MORALE DELLA POPOLAZIONE”. Il PSU incoraggerà la creazione di nuovi partiti politici in grado di fare gli interessi dei cittadini, in sostituzione delle bande politiche attuali. La tragica situazione dell’emigrazione sarà affrontata dando asilo, protezione ed assistenza a chi ne ha diritto. Gli altri saranno, via aerea, immediatamente trasferiti nei loro Paesi o nelle zone di provenienza. Questo per tutelare la sicurezza di loro stessi e la serenità sociale. Preparazione di un piano organico per l’Africa ed il Medioriente da discutere con altri Paesi della Comunità Europea. I MOVIMENTI FASCISTI O NEO NAZIFASCISTI NON SARANNO TOLLERATI NELLA NUOVA REPUBBLICA. RICORDIAMO CHE LA COSTITUZIONE ITALIANA ATTUALE E’ NATA DALLA LOTTA CONTRO IL NAZI-FASCISMO E CHE LA NUOVA REPUBBLICA NASCERA’ NELLA CONTINUITA’ DEI VALORI DELLA RESISTENZA. LE FORZE NUOVE (CHE IL PSU DEFINISCE LE REALTA’ DEL NULLA) NON SONO ALTRO CHE ACCOZZAGLIE DI ELEMENTI SUBORNATI DALL’ALTA FINANZA E DA IMPRENDITORI COLLUSI CON LA MALAVITA. Stimolazioni e fondi per incoraggiare l’uso di energie alternative per i privati, le aziende e gli enti pubblici, con particolare riguardo al fotovoltaico, termico-solare, eolico e geotermico. Rimodulazione del servizio scolastico e di quello universitario per combattere L’ASINO-CULTURA E LE CORROTTE BARONIE. In merito alla cittadinanza italiana, per gli stranieri che la richiedono, la futura legge dovrà essere armonizzata con le norme europee e con il diritto internazionale. La nuova repubblica dovrà impegnarsi a indire una conferenza europea di tutti gli Stati, inclusa la Russia, per la rifondazione dell’Europa come repubblica federata e presidenziale, che dovrà avere una sua politica interna ed estera, un’unica moneta, una sua economia, un suo esercito e leggi omogeneizzate. Questo pur nella diversità e ricchezza dei vari Stati, e dovrà essere un’entità che garantisca la tutela dei diritti fondamentali e della dignità dei suoi cittadini. La nuova Europa dovrà creare un piano per l’Africa e per il Medioriente, per migliorare la loro economia, la loro vita politica e sociale ed instaurare con essi un rapporto proficuo di interscambio. Proposta per la trasformazione dell’ONU come simposio di nazioni che si prefiggono la pace, la protezione del sistema ecologico terrestre, una nuova visione dell’economia, che sia sostenibile, la protezione della dignità e della libertà dell’uomo ed il suo diritto ad avere e a perseguire la sua felicità nel rispetto degli altri. LE PROPOSTE DOVRANNO PARTIRE DAL GOVERNO ITALIANO, RAPPRESENTATO DA UOMINI DEGNI, RISPETTATI E COMPETENTI – IN GRADO DI DARE ALL’ITALIA UN NUOVO RINASCIMENTO (PIU’ VOLTE AUGURATO DAL PSU) DOPO UN PERIODO DI DECADENZA E DI OSCURANTISMO CULTURALE – E NON DA UNA BANDA DI LESTOFANTI COME QUELLA ATTUALE. A CONCLUSIONE, PER RENDERE INEQUIVOCABILE IL NOSTRO PENSIERO SULLA VITA E LA SOCIETA’, AFFERMIAMO CHE: “ESISTE UNA SOLA RAZZA, QUELLA UMANA, FATTA DA UOMINI LIBERI E DA LIBERI PENSATORI. GLI UOMINI SONO INDISSOLUBILMENTE LEGATI GLI UNI AGLI ALTRI, LA PACE, LA GIUSTIZIA, LA SOLIDARIETA’ E LA PROSPERITA’ DIPENDONO DALLA LORO VOLONTA’ E DALLE LORO QUALITA’ MORALI”.

Anche se un capo ha notevoli conoscenze e cultura, grandi capacità politiche, di leadership ed organizzative, e non ha al suo fianco un popolo deciso, motivato e disposto ad attuare e difendere un programma ed i valori in cui crede, OGNI VITTORIA E’ VANA, e si corre il rischio di ritornare al regime, corrotto, ingiusto e criminale che si vuole abolire; o forse anche ad uno peggiore.

Pensiero del fondatore del PSU, Gennaro Ardolino

Per maggiori dettagli leggi i post:

https://goo.gl/DbWBqJ

https://goo.gl/ca93SW

https://goo.gl/cgjsYz

https://goo.gl/mJMjY8

https://goo.gl/62TQ3T

E vedi i discorsi sul nostro canale youtube https://www.youtube.com/channel/UChK_ghCWiChat5O1_vP50fA

Manifesto per gli italiani e per tutti i popoli del mondo

Pagina 1 di 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén