La Voce dei Popoli

Organo internazionale multilingua del Partito Socialista Universale P.S.U.

Le reali cause della guerra in Ucraina.

Le responsabilità dell’ONU, del governo ucraino e di quello russo.

Il fallimento dell’ONU per portare la pace è stata la sua incapacità di mediare l’assenza di una volontà di tregua e di un accordo tra le parti in conflitto.

La cobelligeranza dell’Europa ed usa porterà alla distruzione dell’ucraina e ad un disastro mondiale.

In Italia, un criminale finanziario con le sue bande sta devastando il paese economicamente e socialmente, impoverendo tutti.

L’Italia, quale paese ostile alla Russia, sta correndo un grave rischio ed un gravissimo pericolo.

L’Europa è governata e controllata da un’oligarchia finanziaria, spesso imparentata con quella criminale.

I media, ovvero l’orchestra dei mercenari dell’informazione, sono quasi tutti nelle mani di questa oligarchia che controlla e distorce la verità e riduce i popoli a semplice comparsa e ad un normale contorno di una dittatura finanziaria.

È ora che tutti i popoli europei scendano nelle piazze e pongano fine a questo stato, prima che sia troppo tardi.


LA VERITÀ TRADITA ED OCCULTATA

La guerra in Ucraina ha radici lontane. Essa risale alla fine dell’Unione Sovietica e quando questa realtà si smembrò creando un collasso economico, sociale e politico. Buona parte dei cittadini di questo Stato subì privazioni e condizioni materiali umilianti: miseria, fame, denutrizione, abbrutimento erano la norma in quel periodo, insieme alla scarsa assistenza dei servizi sociali e sanitari. I governi europei, diretti e controllati dalle centrali finanziarie, incentivarono il processo di disgregazione dello stato sovietico invece di avviare un approccio di solidarietà, con aiuti e spinte verso l’integrazione con l’Europa.

È STATO UN ERRORE FATALE DI CUI OGGI SI VEDONO LE CONSEGUENZE CON UNA GUERRA NEL CUORE DELL’EUROPA CHE TENDE AD ESTENDERSI.

Polonia, Ungheria, Paesi baltici ed altre entità si sono resi indipendenti dalla Russia. L’Unione europea, insieme alla NATO ed al governo americano, hanno sempre cercato di erodere e smembrare il territorio russo. L’Ucraina è stato il passo successivo a quello di altri Stati, facendone l’ariete per la demolizione della realtà politica ed economica russa, e per portare le basi NATO all’interno dell’Ucraina e presso il confine con la Russia. L’elezione di Zelensky, appoggiata e sostenuta dalla finanza europea e da quella americana ed ucraina, ha posto le basi per l’entrata nella NATO di questo Paese. Ciò è confermato, non solo dagli armamenti ricevuti dall’Europa e dall’America, ma anche dalle esercitazioni compiute tra truppe NATO ed ucraine, su suolo ucraino, oltre che al cambiamento della costituzione ucraina, affinché questo Paese potesse entrare nella NATO.

Il disegno di smembrare la Russia e gestire le sue risorse era a conoscenza del governo russo. Non appena Zelensky ed il suo governo hanno fatto passi decisivi per entrare nella NATO, i russi hanno invaso il loro Paese. UN GRAVE ERRORE DI METODO.

Demonizzare Putin è fuorviante, poiché l’azione aggressiva russa è stata dettata da ragioni inerenti alla difesa dell’integrità della Federazione Russa. Con o senza Putin, quanto accaduto sarebbe avvenuto lo stesso, dato che era in gioco l’esistenza della stessa Federazione.

Attualmente l’obiettivo dei russi è quello di occupare l’intera Ucraina, rendendola inerte dal punto di vista militare. L’Europa sta alimentando questa guerra con armi e sanzioni, una scelta che si rivelerà devastante per la stessa Europa, dato che la Russia ha risorse sufficienti per una propria autarchia e sta creando le basi di un’economia parallela con l’aiuto della Cina, parte del Medioriente, estremo oriente ed Africa, tagliando fuori e mettendo in crisi la Comunità Europea che si è schierata unilateralmente contro la Federazione Russa ed è stata da questa definita una realtà ostile.

Una situazione del genere determinerà un radicale cambiamento politico ed economico nel mondo. A questo punto, ad evitare un disastro mondiale occorre mettere in campo una mediazione DI ALTISSIMO LIVELLO MORALE E POLITICO, fatta da uomini di Paesi non coinvolti, RIUNITI IN UNA ASSEMBLEA MONDIALE (visto che l’ONU ha fallito il suo compito) per fare tacere le armi evitando una catastrofe generale.

Il PSU ha fatto la sua proposta che è ragionevole ed equilibrata, che può essere presa inconsiderazione.

MUTATIS MUTANDIS: CAMBIARE IN FRETTA QUELLO CHE DEVE ESSERE CAMBIATO, PRIMA DELLA TRAGEDIA.

Leggi l’articolo scritto nel 1933 da un saggio filosofo ed artista russo. Rimandiamo il lettore a http://www.lavocedeipopoli.it/cultura/mutatis-mutandis/

PROPOSTA PER UNA PACE DURATURA TRA RUSSIA ED UCRAINA DA PARTE DEL PARTITO SOCIALISTA UNIVERSALE (PSU)

Condizione imprescindibile e necessaria è il cessate il fuoco tramite un accordo internazionale. Riconoscimento dell’indipendenza, autonomia e neutralità (non armata) dell’Ucraina, non appartenente alla comunità europea ed alla NATO. Indipendenza della Crimea e delle repubbliche Donetsk e Lugansk. Trattato di pace e non aggressione da parte della Russia all’Ucraina. Creazione di una fascia smilitarizzata di 150 km intorno all’Ucraina. RITIRO DELLE TRUPPE RUSSE dall’Ucraina e delle sanzioni nei confronti della Russia. Aiuti economici internazionali all’Ucraina per rimettere in piedi la sua economia e sanare le distruzioni della guerra.

Tra qualche anno avviare le trattative per un’integrazione all’Europa dell’Ucraina e della Russia con una nuova compagine politica Ucraina e russa e con la sostituzione dell’attuale classe dirigente europea.

Tutto questo, se realizzato, toglierebbe alla Russia ogni pretesto di invasione ed all’Ucraina velleità nocive alla sua esistenza ed allontanerebbe il pericolo di una guerra in Europa ed una devastante crisi economica nel vecchio continente.

UNA MIMOSA PER LA PACE

Per le mamme, le spose, le nonne, le sorelle, le fidanzate: FATE TACERE LE ARMI ED ALLONTANATE IL VENTO DELLA MORTE CHE SOFFIA SULL’UCRAINA.

Creare in Europa un nuovo ordine sociale, economico e politico in cui la libertà, la vera democrazia, la solidarietà, la fraternità ed il benessere comune siano valori fondamentali di un essere umano rigenerato. Tutti i popoli del mondo si devono unire in uno sforzo comune e manifestare per un cambiamento epocale, allontanando dal potere quanti, con la loro sete di ricchezza, con violenza e turpi attività e imposizioni, compromettono il destino dell’umanità e dell’ambiente.

“L’attuale umanità si trova in uno stato di confusione e senza protezione. I grandi progressi che essa ha realizzato in campo materiale non hanno portato vera felicità e non permettono di intravedere un futuro di serenità e pace: GUERRE, FAME, EPIDEMIE, CATASTROFI ECOLOGICHE, CRISI SOCIALI ED ECONOMICHE, ATTENTATI CONTRO LA LIBERTÀ PERSONALE SONO TANTI FLAGELLI CHE ASSILLANO, ATTUALMENTE, L’UMANITÀ E CHE OSCURANO IL SUO DESTINO.”

“In tempo di calamità è opportuno cambiare rapidamente quello che deve essere cambiato”

messaggio dall’Himalaya di Nicholas Roerich

LETTERA AL PRESIDENTE DELLA FEDERAZIONE RUSSA VLADIMIR VLADIMIROVIČ PUTIN DA PARTE DEL FONDATORE DEL PARTITO SOCIALISTA UNIVERSALE (PSU)

Egr. Presidente,

tu hai conosciuto l’Unione Sovietica con i suoi pochi pregi e molti difetti. Sei stato addestrato a difendere quel regime, con brutalità, come ufficiale del KGB. Hai assistito con amarezza, rabbia e dolore allo smembramento della tua patria ed all’indifferenza dell’Europa – GESTITA DA PREZZOLATI DELL’ALTA FINANZA – che nulla hanno fatto per migliorare le condizioni di precarietà e miseria in cui la popolazione russa era caduta. Questi inutili, corrotti ed incapaci burocrati europei non avevano capito, E NON HANNO CAPITO, che la Russia è parte integrante dell’Europa, senza la quale il vecchio continente non costituisce una valida realtà. Oggi hai mostrato i muscoli invadendo l’ucraina, anche se hai qualche ragione, dovuta all’insapiente, pericolosa e fallimentare politica europea condotta da uomini soggiogati dal potere finanziario e da quello criminale.

Ora è arrivato il momento di far tacere le armi e sistemare con saggezza ed equilibrio la questione ucraina. Ricordati che le guerre non portano mai “BENE” ai regimi come il tuo.

È opportuno dare un assetto stabile all’Europa e tu puoi avviarlo conducendo la Russia verso l’integrazione europea che potrebbe dare origine ad una realtà federata di tipo presidenziale; in cui la libertà, la fratellanza, la difesa della dignità umana, la prosperità e la ricerca del bene comune siano i valori fondanti di questa nuova e solida realtà politica che può dare stabilità e pace, non solo all’Europa ma al mondo intero. TIENI BENE INCISO NELLA TUA MENTE CHE: PICCOLE IDEE FANNO UOMINI PICCOLI E GRANDI IDEE FANNO UOMINI GRANDI!

I valori sopra elencati, ti sono stati insegnati nella vecchia unione sovietica, ANCHE SE SOLO DAL PUNTO DI VISTA TEORICO. Tu potrai iniziare il percorso che ti ho indicato, attribuendoti, legittimamente, il merito di esso. Ma non potrai portarlo a termine, poiché la Russia ha bisogno di personaggi che abbiano una storia, formazione e cultura diversa dalla tua e ciò per poterla cementare solidamente all’Europa. Quanto ti sto suggerendo non dovrebbe esserti difficile da realizzare. Di fronte ai nani politici e criminali finanziari, UOMINI SENZA VALORE, che purtroppo spesso hai subornato, e che stanno immiserendo, IN TUTTI I SENSI, i cittadini europei con le loro scelte economiche. Un esempio è dato dall’Italia governata da un criminale finanziario che sta impoverendo il Paese e distruggendo l’economia, DANDO SEGUITO AD UN REGIME CRIMINALE AMMANTATO DA UNA PSEUDO DEMOCRAZIA.

Io non posso essere tuo amico poiché ho una concezione del socialismo ben diversa dalla tua. Per me la libertà individuale, la vera democrazia basata sulla volontà popolare, la fratellanza, la solidarietà, la prosperità e la sincera ricerca del bene comune sono elementi inscindibili di un vero socialismo, in una società che tutela moralmente e fisicamente l’individuo rispettando e proteggendo l’ambiente che ci circonda e ci permette di vivere.

Spero che tu possa leggere queste parole e riflettere attentamente su di esse poiché sono dettate da una lunga esperienza e da una sincera volontà di intenti per aiutare te, il popolo russo e quello ucraino, e portare la pace in Europa e nel mondo.

Ti saluto

Il fondatore del PSU

Gennaro Ardolino

Al-Farabi, un pensatore e filosofo islamico che ha contribuito a ridare all’Occidente la cultura greco-latina

Al-Farabi, filosofo musulmano, tra i principali intellettuali del mondo islamico che ebbe il merito di introdurre la cultura greco-latina nel pensiero dell’epoca. Attraverso la sua attività nella Casa della Saggezza a Baghdad fece conoscere le idee di Aristotele, Platone, Plotino, Pitagora, Socrate e tanti altri. La filosofia del pensiero antico fu inserita nel credo religioso dell’islam grazie a Al-Farabi ed altri filosofi attratti a Baghdad da regioni dell’estremo oriente, medioriente ed altri Paesi. In genere erano i rappresentanti della migliora cultura ebraica, cinese, cristiana copta, buddista e di altre religioni.

La cultura scientifica e filosofica del pensiero antico, fatta rivivere nella Casa della Saggezza, da Baghdad passò prima nel regno islamico spagnolo, con base a Cordoba, e poi nell’occidente. Tutto il mondo occidentale deve essere grato alla civiltà musulmana per aver riavuto i valori e le conoscenze greco-latine in un momento in cui vi era oscurantismo ed ignoranza in Europa.

Il fondatore del PSU, a breve, tradurrà le pagine allegate.

I CATARI

Conoscere la storia della tragica fine dei catari e l’essenza della loro religione ci porta alle origini del cristianesimo – primitivo e più autentico – e prima che questa religione subisse molteplici riforme.

Testo originale in francese tradotto successivamente in portoghese

COMUNICAZIONE IMPORTANTE PER QUANTI SEGUONO LE ATTIVITA’ DEL PSU

Ogni domenica alle ore 11:30am circa il fondatore del PSU vi informerà sugli eventi locali, nazionali ed internazionali attraverso la libera RADIO ANTENNA CAMPANIA (trasmette sui 93.700 e 103.150 Mhz e in streaming https://www.radioantennacampania.it/).

FRAMMENTI STORICI DI RADIO LONDRA SULLA RESISTENZA ANTIFASCISTA ITALIANA ED OGNI TIPO DI REGIME CHE LEDE, VIOLENTA ED OPPRIME LA DIGNITA’ E LA LIBERTA’ DELL’UMANITA’

https://youtu.be/2uq7orOtK7w

“Qui è la voce del fondatore del PSU che vi parla per mezzo della libera RADIO ANTENNA CAMPANIA.”

Una classe politica delegittimata e moralmente deprecabile, insieme ad un governo inadatto a promuovere il bene comune, sono idonei a gestire correttamente la grande massa di denaro del Recovery Plan?

La risposta al titolo del presente articolo è NO!

Una compagine politica con scarsi principi morali e la propensione a delinquere e nessun rispetto dei principi democratici, delle libertà e della tutela degli interessi del popolo non può gestire con efficacia, correttezza e buoni risultati ingenti risorse. Anzi tali risorse riempiranno le tasche di avidi predatori e finiranno per aggravare la situazione del Paese in termini di un corretto sviluppo, lotta alle disuguaglianze ed alla disoccupazione ed al benessere generale della comunità nazionale.

Il cobra (Draghi) non ha voluto affrontare e mettere in primo piano un duro contrasto alla corruzione, alle mafie ed alla criminalità finanziaria che costituiscono un grave ostacolo al cambiamento e ad una vera ripresa del Paese. Per contro, ha fatto approvare una legge penale che favorisce i gravi reati e subordina la giustizia al potere del Parlamento (soluzione tipica di un regime criminale ammantato da una pseudo democrazia). Questo fatto favorisce in misura consistente reati di corruzione ed associazione a delinquere.

Sia il governo che il Parlamento, nonché tutta la classe politica nella sua quasi interezza, sono stati squalificati e delegittimati dalle ultime elezioni: più del 60% degli elettori si sono astenuti dalle urne, tale fatto sancisce la necessità di una loro rapida sostituzione.

Sostituzione che deve avvenire con massicce proteste nelle piazze di tutta la penisola, per poi realizzare una nuova realtà politica, economica e di solidarietà sociale. Le manifestazioni dei novax sono riduttive ed occorre che esse si trasformino in azioni politiche, chiedendo la fine del governo Draghi e di una classe politica indegna, corrotta ed incapace, quando non criminale.

IL GRANDE INGANNO E LE FUTURE DISTRUZIONI DELLA NATURA

Il fallimento della conferenza sul clima COP26. Le passerelle delle vanità e delle autoglorificazioni dei potenti della terra che non hanno saputo o voluto affrontare il vero tema dell’inquinamento terrestre che è di natura prettamente economica. Il sistema economico mondiale si figura come un totalitarismo globale a cui tutti i paesi sono sottoposti. Questo regime determina il massimo sfruttamento delle risorse materiali del pianeta ed impedisce le più elementari necessità deli esseri umani, con la ricchezza che si concentra in poche mani. I paesi più ricchi diventano sempre più ricchi ed i più poveri sempre più poveri. L’umanità, in questo caso, è assoggettata all’economia quando dovrebbe essere l’inverso, cioè: l’economia al servizio del benessere degli esseri umani e dell’equilibrio ambientale. I governanti del mondo sono tributari e soggetti al regime economico descritto e sono obbligati a mantenerlo ed a difenderlo, poiché il loro potere dipende da questa economia. Questa strategia è sostenuta dai mercenari dell’informazione su scala globale.

La Terra ha un suo equilibrio interno che gli permette di rigenerarsi e di riequilibrarsi. Quando questo equilibrio viene alterato dall’inquinamento e dal dissennato sfruttamento, con la deturpazione della sua ricca diversità ambientale, essa si ribella e per riequilibrarsi genera disastri su larga scala; e questo è quanto sta accedendo nell’attualità sul pianeta.

Questi eventi calamitosi a cui stiamo assistendo, e che sono destinati ad aumentare, sono determinati, principalmente, da un’economia, la cui essenza è quella del massimo profitto in tutti i settori. Tale situazione genera il massimo sfruttamento delle risorse terrestri, delle attività estrattive, energetiche e produttive, producendo un avvelenamento del sistema terrestre e danneggiando fortemente l’esistenza e la salute degli esseri umani, oltre ad alterare il sistema ecologico terrestre, con tutte le conseguenze che ne derivano.

Solo il cambiamento di una realtà economica devastatrice come quella attuale può salvare l’umanità e l’ambiente. Una nuova visione economica deve porre al centro della sua attività l’essere umano ed i suoi bisogni materiali e spirituali affinché egli si possa evolvere sempre più moralmente. Ciò porterebbe all’aumento della solidarietà umana globalmente ed al rispetto della tutela ambientale.

Questo significa che la ricchezza prodotta sia distribuita equamente, evitando concentrazioni eccessive in poche mani, e che le attività produttive siano realmente attuate in forma ecologica in modo da ridurre al massimo i processi inquinanti ed i danni all’ambiente.

Si tratta di una vera e propria rivoluzione, una rivoluzione che investirà tutti i cittadini del mondo e che si rende necessaria ed urgente. La giovane Thunberg (la paladina dell’ambiente, come l’abbiamo definita) fa bene a portare nelle piazze la gente, ma questo è solo il prologo di un movimento mondiale che si manifesterà tra poco. Movimento che può essere fatto solo dai popoli che si devono organizzare in manifestazioni imponenti, chiedendo la sostituzione dei loro governanti e dando origine a vere democrazie che abbiano come fine il benessere comune e la tutela del pianeta, che è l’unica realtà che ci permette di vivere.

Concludiamo questo articolo con una riflessione di Platone, che considerava il nostro pianeta un organismo vivente con i suoi cicli e le sue leggi. La traduzione letterale dal greco è:

Il mondo (inteso come Terra) è una creatura viva (un essere vivente).

platone

Per la sua attualità rieditiamo l’articolo sull’argomento già pubblicato su facebook.
https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=1089127141269536&id=133745956807664


UN FORTE MESSAGGIO DI SPERANZA, DI CAMBIAMENTO E DI PACE PER PROTEGGERE LA VITA ED IL SUO AMBIENTE SULLA TERRA

È stato uno spettacolo magnifico vedere la gioventù mondiale radunarsi nelle piazze del globo. I giovani hanno preso coscienza del mortale pericolo che grava su di loro e sul loro futuro, costituito da un erroneo sviluppo che privilegia i pochi e pregiudica i molti, devastando l’ambiente, alterando il suo equilibrio e generando grandi disastri e catastrofi. Questa gioventù ha capito che l’umanità è parte integrante della natura e la sua salute e stabilità fisica e mentale dipendono dalla condotta ecologica e dalla volontà di tutta l’umanità per mantenere in uno stato di equilibrio la rete dei cicli vitali della Terra, alimentata dall’energia solare che determina la biodiversità in un rapporto dinamico di leggi naturali. Ma per invertire le attuali tendenze e riequilibrare lo stato attuale dell’ambiente sarà necessaria una vera e propria rivoluzione nel campo delle relazioni sociali, della politica e dell’economia. Si renderà necessaria la sostituzione di quelle dirigenze politiche e dei governi che ostacoleranno questo processo. La sfida che i giovani hanno di fronte sarà quella di creare un nuovo orizzonte in un mondo in cui la politica, l’economia e le attività industriali e produttive saranno al servizio dell’uomo nel rispetto delle leggi naturali.

Vogliamo concludere queste nostre considerazioni con un pensiero attribuito a Pitagora:

“FINO A QUANDO GLI UOMINI CONTINUERANNO A DISTRUGGERE SENZA PIETÀ GLI ESSERI VIVENTI DEI REGNI INFERIORI, ESSI NON CONOSCERANNO NÉ LA SANTITÀ NÉ LA PACE. FINO A QUANDO MASSACRERANNO GLI ANIMALI, GLI UOMINI SI AMMAZZERANNO GLI UNI CON GLI ALTRI. IN SOSTANZA CHI SEMINA MORTE, DISTRUZIONE E DOLORE NON PUO’ AVERE ALLEGRIA ED AMORE”

La depressione: una ricerca unitaria sulle sue cause

Un invito ed una riflessione su questo male attravero le parole di David Viscott tratte dal suo libro “Il linguaggio dei sentimenti”.

“La depressione ci dice che vi è qualcosa di sbagliato nel nostro modo di relazionarci con il mondo, e che vi è qualcosa di errato nel modo con cui conduciamo la nostra vita. Il dolore della depressione molte volte rende possibile una nuova crescita personale ed un corretto relazionamento con gli altri. È molto doloroso per noi stessi non essere al meglio delle nostre condizioni. Accettare la responsabilità dei propri sentimenti significa scoprire quello che di meglio vi è in noi e questa è la maggiore lezione della depressione… Trovare il coraggio per crescere di nuovo.”

David Ascott

Pagina 1 di 4

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén